"Abbiamo visto che la Chiesa anche oggi benché soffra tanto, come sappiamo, tuttavia è una Chiesa gioiosa, non è una Chiesa invecchiata, ma abbiamo visto che la Chiesa è giovane e che la fede crea gioia" (Benedetto XVI, 29 luglio 2010)

giovedì 26 aprile 2012

“La Chiesa è giovane”: sette anni fa, la Messa di inizio Pontificato di Benedetto XVI


Il 24 aprile abbiamo celebrato il settimo anniversario della Messa di inizio Pontificato di Benedetto XVI. Celebrazione seguita da oltre 300 mila persone in Piazza San Pietro e via della Conciliazione. “La Chiesa è giovane”, affermò il Papa nell’omelia, “chi crede non è mai solo”. Di seguito alcuni passaggi forti di quell’omelia.

“Tu es Petrus”, “Tu sei Pietro”: il popolo di Dio accoglie con gioia il nuovo Pontefice, “l’umile lavoratore nella vigna del Signore”. La mattina del 24 aprile 2005, Piazza San Pietro - gremita di fedeli di tutto il mondo - è in festa, ornata da 20 mila fiori. Dalla Loggia della Basilica vaticana, sotto lo stemma del Pontificato, pende l'arazzo della pesca miracolosa che raffigura Gesù in dialogo con San Pietro. Benedetto XVI, nella sua omelia interrotta ben 37 volte dagli applausi, confida subito con quale spirito si appresti ad intraprendere il ministero di Pastore universale della Chiesa:


“Il mio vero programma di governo è quello di non fare la mia volontà, di non perseguire mie idee, ma di mettermi in ascolto, con tutta quanta la Chiesa, della parola e della volontà del Signore e lasciarmi guidare da Lui, cosicché sia Egli stesso a guidare la Chiesa in questa ora della nostra storia”.

Il Papa ha parole di speranza, incoraggia ad avere fiducia nel futuro, perché, sottolinea, “chi crede non è mai solo, non lo è nella vita e neanche nella morte”. Una speranza che nasce dalla certezza nel Risorto. Cristo è vivo e così la sua Chiesa:

“Sì, la Chiesa è viva - questa è la meravigliosa esperienza di questi giorni. Proprio nei tristi giorni della malattia e della morte del Papa questo si è manifestato in modo meraviglioso ai nostri occhi: che la Chiesa è viva. E la Chiesa è giovane. Essa porta in sé il futuro del mondo e perciò mostra anche a ciascuno di noi la via verso il futuro”.

Benedetto XVI si sofferma sul suo ministero di pastore, chiamato a cercare le pecorelle smarrite nei tanti deserti della nostra umanità. Deserti di solitudine, di abbandono, di amore distrutto. “La santa inquietudine di Cristo – afferma il Papa – deve animare il pastore”. Ma per fare questo, non bastano le sole forze umane:

“Pregate per me, perché io impari ad amare sempre più il suo gregge – voi, la Santa Chiesa, ciascuno di voi singolarmente e voi tutti insieme. Pregate per me, perché io non fugga, per paura, davanti ai lupi”.

“Chi fa entrare Cristo” nella propria vita, ribadisce, non perde nulla. Anzi, solo nell’amicizia con Gesù “si dischiudono realmente le grandi potenzialità della condizione umana”. Infine, nel solco tracciato dal suo amato predecessore, rivolge un pensiero speciale ai giovani:

“Solo in quest’amicizia noi sperimentiamo ciò che è bello e ciò che libera. Così, oggi, io vorrei, con grande forza e grande convinzione, a partire dall’esperienza di una lunga vita personale, dire a voi, cari giovani: non abbiate paura di Cristo! Egli non toglie nulla, e dona tutto. Chi si dona a lui, riceve il centuplo. Sì, aprite, spalancate le porte a Cristo – e troverete la vera vita”.

Alessandro Gisotti (RV)

0 commenti:

Posta un commento

Resta aggiornato via Email

Archivio

 

GIOVANE CHIESA Copyright © 2011 -- Template created by O Pregador -- Powered by Blogger