"Abbiamo visto che la Chiesa anche oggi benché soffra tanto, come sappiamo, tuttavia è una Chiesa gioiosa, non è una Chiesa invecchiata, ma abbiamo visto che la Chiesa è giovane e che la fede crea gioia" (Benedetto XVI, 29 luglio 2010)

giovedì 8 settembre 2011

Una radio per la Diocesi di San Cristóbal, in Messico

Si chiama “Radio Tepeyac”, come il colle messicano sul quale, secondo la tradizione, nel 1531 apparve la Vergine di Guadalupe, Patrona dell’America Latina. È l’emittente radiofonica lanciata dalla diocesi di San Cristóbal de Las Casas ed ascoltabile in streaming sul sito Internet www.radiotepeyac.com.

Le trasmissioni, iniziate ufficialmente il 1° settembre, sono state promosse dal vescovo della città, mons. Felipe Arizmendi Esquivel, con l’obiettivo di facilitare l’evangelizzazione, sulla scia dell’appellativo della Vergine di Guadalupe, “Stella dell’Evangelizzazione”.

I programmi vanno in onda dalle sei di mattina alle dieci di sera ed offrono riflessioni sulla Parola di Dio, momenti di preghiera, approfondimenti sul catechismo e la Dottrina sociale della Chiesa, speciali riservati al Sinodo diocesano e meditazioni sulla liturgia e la mariologia. Ogni giorno, inoltre, viene trasmessa la Santa Messa ed è disponibile un ‘contenitore’ di musica sia classica che religiosa.

Ma l’attualità non viene certo trascurata: alla luce delle Sacre Scritture e del Magistero pontificio, “Radio Tepeyac” affronta anche temi come il ruolo delle donne nella società o la questione sanitaria.

A realizzare e condurre i programmi sono operatori laici volontari che vogliono condividere il messaggio di salvezza del Vangelo. Pur non essendo l’emittente ufficiale della diocesi, la radio ha comunque la supervisione dei vescovi, dei sacerdoti e dei religiosi che a volte intervengono anche in trasmissione. Oltre all’ascolto in streaming, è disponibile anche una chat attraverso la quale gli ascoltatori possono inviare messaggi, domande, opinioni e suggerimenti.

Il progetto, comunque, è solo all’inizio: in futuro, si pensa a rendere possibile l’ascolto anche in Fm per raggiungere i fedeli che non possono collegarsi ad Internet. Continua, quindi, ad ampliarsi il panorama radiofonico cattolico on line dell’America Latina: basti ricordare, ad esempio, che già a luglio del 2010 l’arcidiocesi di Quito aveva lanciato la propria radio in streaming su web.

-RV-

0 commenti:

Posta un commento

Resta aggiornato via Email

Archivio

 

GIOVANE CHIESA Copyright © 2011 -- Template created by O Pregador -- Powered by Blogger