"Abbiamo visto che la Chiesa anche oggi benché soffra tanto, come sappiamo, tuttavia è una Chiesa gioiosa, non è una Chiesa invecchiata, ma abbiamo visto che la Chiesa è giovane e che la fede crea gioia" (Benedetto XVI, 29 luglio 2010)

venerdì 8 ottobre 2010

Un movimento mariano e francescano sui passi di Padre Kolbe


Missione dell’Immacolata Mediatrice, è l’associazione pubblica di fedeli appartenente agli istituti religiosi di Diritto Pontificio dei Frati Francescani dell’Immacolata e delle Suore Francescane dell’Immacolata.

Il suo scopo è la realizzazione del piano salvifico di Dio mediante la conversione e santificazione di tutte le anime per la “Mediazione materna” dell’Immacolata, a gloria suprema della SS. Trinità.

Si tratta, in sostanza, della stessa “Missione universale dell’Immacolata mediatrice”. 
Ogni “missionario dell’Immacolata” s’impegna a:

a) Incrementare il culto e la devozione verso l’Immacolata Mediatrice attraverso tutti i mezzi leciti e possibili, inclusi i mass-media: stampa, radio, televisione, internet, etc. ,

b) Sostenere e incrementare le missioni ad gentes, soprattutto dove più ferve la lotta per la salvezza delle anime e per l’edificazione del Corpo di Cristo;

c) Interessarsi e anche promuovere, ad ogni livello, gli studi sul Mistero di Maria.
 Gli elementi caratteristici della spiritualità della MIM sono: la marianità  e la missionarietà.

La marianità si esprime attraverso la totale consacrazione all’Immacolata divenendo sua “cosa e proprietà” secondo il pensiero di S. Massimiliano Maria Kolbe.

Ogni missionario dell’Immacolata coltiva il suo impegno quotidiano di conoscenza e d’amore, d’imitazione e di culto all’Immacolata Mediatrice, attraverso ala preghiera e la meditazione, lo studio e l’approfondimento del Mistero di Maria, affinché tutto l’essere e l’agire del consacrato all’Immacolata, rifletta di maniera viva l’Immacolata nel suo essere, come “piena di grazia” e nel suo agire come “Mediatrice Universale di grazia” per la salvezza dell’umanità;

Tutto questo si realizza attraverso:
la testimonianza di una vita esemplare;
la preghiera intensa e fervorosa;
la parola che illumina ed edifica;
l’azione apostolica alimentata da spirito di sacrificio.

La missionarietà si esprime attraverso lo zelo apostolico spinto fino al sacrificio eroico per la salvezza dei fratelli, all’esempio di S. Massimiliano M. Kolbe.
Si è ancora chiamati a sviluppare e sostenere l’azione di sostegno materiale e aiuto spirituale alle missioni “ad gentes” dei Francescani dell’Immacolata, sparse nei cinque continenti. 
Con assiduità si offrirà la preghiera fervorosa per le missioni e i missionari e ci si adopererà per azioni di promozione e sensibilizzazione delle anime, alla realtà preziosissima delle missioni.

La missionarietà, infine, implica ancora l’evangelizzazione delle differenti sfere della vita sociale: famiglia, scuola, lettere, arte, sport, spettacolo, politica, scienza, turismo, etc.

Per approfondire questo giovane carisma nella Chiesa

0 commenti:

Posta un commento

Resta aggiornato via Email

Archivio

 

GIOVANE CHIESA Copyright © 2011 -- Template created by O Pregador -- Powered by Blogger